Narrativa, "Polvere" di Antonio De Roberto
libri34
Fonti Foto
"Polvere" è un intenso, incalzante ed emozionante romanzo autobiografico di Antonio De Roberto, dal ritmo ansante e sostenuto e dal contenuto vivido che si legge tutto d'un fiato. Il professionista, nato a S. Cipriano Picentino, vissuto a Borgo di Montoro Inferiore e da poco trasferitosi a Mercato S. Severino, offre in tale opera - 220 pagine per i tipi della Mef Firenze (euro 17,70) - un verace e solare spaccato della sua antica e nobile famiglia, che ha contemplato tra le fila intellettuali e persone dignitose, umane, signorili. È un vivace e impressionante, godibile volumetto denso di episodi che attraggono l'attenzione e colpiscono le emozioni. L'opera consta di circa venti capitoli, ognuno con una propria specificità e con parole ossequiose nei confronti dell'esistenza e dei suoi peculiari misteri; una vita a volte difficoltosa e amara, vissuta però sempre con moderazione e in punta di piedi, in silenzio. Tante le esperienze, acerbo il dolore, tratteggiate finemente le vicissitudini di Antonio De Roberto e dei suoi sinceri e discreti antenati lungo il corso sciolto della scrittura, pregna di una forma piana e personale. Un ritratto di un ambiente tutt'altro che sordido, anche nei momenti più tristi della vita, quali le guerre e i decessi delle persone care, dei familiari. Attraverso le esperienze dell'infanzia, della pubertà, dell'adolescenza e della sua storia, De Roberto dipana sapientemente il breve racconto in un crescendo di atmosfera scintillante anche se senza lustri esteriori; valori come l'onestà e la dignità pervadono l'intero libro, ricongiungendo con un ideale fil rouge tutti i ritratti in punta di penna effettuati dall'autore scrivendo. Ritratti inerenti - ovviamente - i parenti della nobile stirpe e schiatta. Le descrizioni nel volume appaiono calibrate e particolareggiate; ricco il bagaglio di esperienze - positive come pure negative - conosciuto e "indossato" da De Roberto, un uomo curioso e osservatore, attento prosecutore delle glorie di famiglia. De Roberto propone nel testo una malinconica eppur solare weltashauung che sta ad indicare la propria percezione degli eventi e degli avvenimenti storici sia individuali che all'interno del nucleo dei De Roberto. Amarezza e distacco, pure, sono tra le emozioni comunicate ed espresse in "Polvere". Lo stesso eloquente titolo evoca un velo di antichità, di pulizia esteriore più che interiore, ma anche una certa immobilità legata al nome della sua stirpe. Consigliamo dunque di leggere tale bel libro per immergersi in un mondo dorato ma con grandi e profondi dolori o tristezze. Un vero e proprio romanzo di costruzione, che offre una veduta attraverso il tempo del cognome De Roberto e della sua importanza; l'importanza che ha rappresentato possedere quel proprio particolare cognome da parte di Antonio.
Author: Giovanni Apadula

 
   
Articolo contenuto in
SU LETTURE POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE