Narrativa, "La musica provata" di Erri De Luca
lamusicaprovata01
Fonti Foto
Definito nel 2009 "lo scrittore del decennio" da Giorgio De Rienzo, critico letterario del Corriere della Sera, Erri De Luca torna con una nuova fatica letteraria dove, a cuore aperto, ci racconta la sua vita. "La musica provata" edita da Feltrinelli, uscita il 19 Settembre ed inserita nella collana "I Narratori" è un'autobiografia in musica dello scrittore, traduttore, poeta e giornalista partenopeo. De Luca aveva già in precedenza parlato della sua vita nella sua opera prima "Non ora, non qui", che è stato un omaggio al padre, per fargli capire che la sua educazione seppur rigida gli è stata di grande aiuto nel corso della vita. L'opera è scritta in perfetto stile "de luchiano", con un linguaggio semplice ma complesso. Non mancano inoltre riferimenti al dialetto napoletano, sua lingua d'origine. Come tutti i suoi romanzi, anche "La musica provata" è piuttosto breve ed ha per sfondo Napoli e come trama una storia realmente vissuta dal narratore. In questa autobiografia De Luca esplora la sua vita dal punto di vista musicale. Egli inizialmente dice di essere "nato stonato", ma la mamma da buona napoletana appassionata di musica lo ha obbligato a studiare canto fino a quando dalla sua bocca non sono usciti dei suoni che potevano somigliare a quelli di un cantante. Erri ricorda che la sua vita è stata sempre accompagnata da un sottofondo musicale. In casa, qualsiasi cosa facessero i suoi genitori, si ascoltava musica classica. A Natale si intonavano canti di montagna perchè il padre era un alpino. Negli anni '60 ci fu il boom dei canti popolari. Ma l'artista che più ha inciso sulla sua vita è stato Bob Dylan. Grazie alla sua musica, che inneggiava a perdere la via di casa, De Luca decise di lasciare Napoli e i suoi genitori e di trasferirsi a Roma, dove poi ha iniziato la sua carriera di scrittore. Nel libro ci sono anche delle canzoni scritte dallo stesso autore. Partendo proprio da questa canzoni è stato poi tratto un film, dal titolo omonimo. Un film diretto da Emanuele Sana e prodotto da Op!Hen Italia e distribuito da Giangiacomo Feltrinelli editore. Il film è la storia di un'amicizia con Stefano Di Battista e Nicky Nicolai come protagonisti, e nel suo personale viaggio nella memoria, tra ricordi e canzoni, incontra anche altre vecchie conoscenze, compagni di strada, colleghi, tutti uniti da questa melodia che diventa una sorta di nuovo linguaggio universale.
 
   
Articolo contenuto in
SU LETTURE POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE