Cinema, tutto pronto per il Bari International Film&Festival
bariifef17
Fonti Foto
Bari. Il Bif&st - Bari International Film Festival conta ogni anno 75.000 spettatori e, in appena sette edizioni (e mezza, se si include l'edizione pilota del 2009), è divenuto uno dei più importanti eventi cinematografici italiani grazie alla sua ampia offerta di alto valore culturale (il programma del 2016 ha presentato 350 eventi in 8 giorni). Il regista Ettore Scola, recentemente scomparso, è il presidente onorario del Bif&st. Il direttore è Felice Laudadio, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia ed ex direttore del festival di Venezia e di Cinecittà Holding. La sede principale del Bif&st è il prestigioso Teatro Petruzzelli, incluso tra i più bei teatri del mondo, al quale si aggiungono altre 12 sale di Bari occupate dal festival.
Nella sezione non competitiva "Anteprima Internazionali "il Teatro Petruzzelli ospiterà dal 22 al 29 aprile alle 21.00 otto film in anteprima italiana assoluta o in anteprima mondiale fra i quali "La Tenerezza" di Gianni Amelio, "Le Divan de Staline" di Fanny Ardant, "20th Century Women" di Mike Mills. Tra di essi, "Tutto quello che vuoi" di Francesco Bruni e "Land of the Gods" di Goran Paskalijevic.
Per "Panorama Internazionale" verranno presentati in concorso 12 film provenienti da tutto il mondo e presentati al Bif&st in anteprima italiana o internazionale.
In occasione del tributo dedicato al grande attore e produttore Jacques Perrin per il ciclo "Cinema e scienza" - patrocinato dal CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e dall'INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) con la collaborazione dell'Università degli Studi Aldo Moro e del Politecnico di Bari - verranno presentati alcuni film da lui diretti e/o prodotti legati al tema dell'ambiente e della natura che hanno riscosso enorme successo, un successo permanente dovuto alla larghissima diffusione via tv, DVD, Blu-ray.
 
Come ogni anno, saranno piuttosto numerose le presenze di cineasti italiani e stranieri al Bif&st, in programma a Bari dal 22 al 29 aprile, con la presidenza di Margarethe von Trotta e la direzione di Felice Laudadio. Molte le attrici e gli attori presenti, tra i quali Francesco Acquaroli (Premio Alberto Sordi), Valeria Bruni Tedeschi (Premio Anna Magnani), Claudia Cardinale, Renato Carpentieri, Andrea Carpenzano, Chiara Caselli (presidente giuria Panorama), Antonio Catania, Fortunato Cerlino, Giorgio Colangeli, Sabrina Ferilli (Federico Fellini Award), Stefano Fresi, Alessandro Gassmann (Lezioni di cinema), Paola Gassman, Elio Germano, Corrado Giannelli, Giancarlo Giannini, Leopoldo Mastelloni, Giovanna Mezzogiorno, Maurizio Micheli, Andrea Occhipinti, Micaela Ramazzotti, Primo Reggiani, Michele Riondino, Barbara Ronchi (Premio Alida Valli), Paolo Rossi, Ninì Salerno, Greta Scacchi (Lezioni di cinema), Riccardo Scamarcio (Premio Vittorio Gassman), Federico Tolardo, Pamela Villoresi, Nicolas Vaporidis, Vittorio Viviani.
Fra i registi presenti: Gianni Amelio, Francesca Archibugi (Premio Luciano Vincenzoni), Fanny Ardant e Dario Argento e Pupi Avati (Lezioni di cinema e Federico Fellini Award), Alessandro Aronadio, Davide Barletti, Francesco Bruni, Maccio Capatonda, Fabrizio Cattani, Lorenzo Conte, Toni D'Angelo, Edoardo De Angelis, Andrea De Sica, Irene Dionisio, Alan Gilsenan, Claudio Giovannesi (Premio Mario Monicelli), Francesco Giuffré (Laboratorio teatrale), Ugo Gregoretti, Fariborz Kamakari, Andrej Konchalovskij (Lezioni di cinema e Federico Fellini Award), Daniele Maggioni, Fabio Mollo, Giuliano Montaldo, Goran Paskaljevic, Jacques Perrin (Lezioni di cinema e Federico Fellini Award), Louis-Julien Petit, Pif (Pierfrancesco Diliberto), Antonio Pisu, Nicola Ragone, Claudio Risi, Giancarlo Scarchilli, Volker Schlöndorff (Lezioni di cinema e Federico Fellini Award), Alexandre Valenti, Carlo Vanzina, Mimmo Verdesca, Daniele Vicari.
E ancora: il press agent Enrico Lucherini (Lezioni di cinema), i musicisti Enzo Avitabile (Premio Ennio Morricone), Andrea Guerra, Lele Marchitelli, Pivio, Giuliano Taviani, i produttori Claudio Bonivento, Ivan Brienza, Adriana Chiesa, Roberto Cicutto, Tilde Corsi, Massimo Cristaldi, Gianluca Curti, Attilio De Razza e Pier Paolo Verga (Premio Franco Cristaldi), Elda Ferri, Elisabetta Olmi, Domenico Procacci, Massimo Spano, il costumista Massimo Cantini Parrini (Premio Piero Tosi), lo scenografo Marco Dentici (Premio Dante Ferretti), gli sceneggiatori Nicola Guaglianone, Valentino Picone e Fabrizio Testini (Premio Tonino Guerra), Antonio Manca, Silvia Scola, Enrico Vanzina, i direttori della fotografia Rocco Marra (Premio Giuseppe Rotunno) e Luciano Tovoli, i montatori Roberto Perpignani e Marco Spoletini (Premio Roberto Perpignani), i critici teatrali Rita Cirio e Maurizio Giammusso, i saggisti e studiosi Alberto Anile, Ennio Bispuri, Franco Cassano, Paolo D'Agostini, Caterina D'Amico, Steve Della Casa, Fabrizio Deriu, Piero Di Siena, Paolo Mereghetti, Giuseppe Vacca.
 
Fra le iniziative speciali del Bif&st molto attesa risulta quella dedicata a "Cinema e scienza" che - patrocinata da CNR e INGV - vedrà la presenza di alcuni illustri scienziati quali Enrico Alleva, Roberto Argano, Fulvio Fraticelli, Domenico Pignone, Antonio Navarra; e ancora Franco Marozzi, Giuseppe De Mola di Medici Senza Frontiere e la prof. Cristina Cattaneo, l'anatomo-patologa impegnata da anni a restituire una identità ai migranti affogati nel Mediterraneo. Tutti loro interverranno al termine della proiezione di un film che - ad ingresso gratuito - verrà presentato ogni pomeriggio al Multicinema Galleria alle ore 16. Il Circolo Barion sarà - essendo chiusa per lavori la tradizionale location del Teatro Margherita - la nuova sede che ospiterà ad accesso libero per tutti le conferenze stampa delle 13, gli incontri pomeridiani delle 17 su Vittorio Gassman, Dino Risi e Totò condotti dal grande critico francese Jean Gili, e i Focus delle 19 - animati dal presidente del Sindacato nazionale critici cinematografici Franco Montini, sempre affollatissimi - che vedono la partecipazione dei cineasti premiati. Grandissima parte degli appuntamenti del festival è ad ingresso libero. Ma per partecipare alle proiezioni gratuite al Multicinema Galleria gli spettatori dovranno munirsi di tagliandi (massimo due) che potranno essere ritirati mezz'ora prima presso la cassa del cinema, ovviamente fino ad esaurimento dei posti disponibili.
"Vorrei segnalare - ha concluso Laudadio - l'eccezionalità di un aspetto della comunicazione legata al Bif&st. Nessun festival italiano, ma davvero nessuno, dal più importante, la Mostra di Venezia, ai festival di medio calibro come quelli di Roma o di Torino, gode del privilegio di poter contare su tre pubblicazioni come i supplementi e gli inserti speciali di molte, moltissime pagine ed articoli sul Bif&st autonomanente e di propria iniziativa realizzati da testate importanti quali il Corriere del Mezzogiorno, La Repubblica e, da quest'anno, La Gazzetta del Mezzogiorno, i cui direttori e capi redattori sentitamente ringrazio per la loro forte, amichevole disponibilità. Inserti speciali che riconfermano - in via definitiva, direi - il fortissimo radicamento sul territorio cui questa nostra manifestazione è pervenuta in pochi anni. Lo stesso radicamento che ha indotto enti e aziende importanti quali Confindustria e ANCE Bari e BAT, il Gruppo Menelao, il Gruppo Marino Automobili ad investire concretamente su questo giovane festival del cinema promosso dalla Regione Puglia e prodotto dalla Apulia Film Commission."
Author: Giovanni Apadula

 
   
Articolo contenuto in
SU SPETTACOLI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE