Confindustria, il salernitano Boccia è il nuovo presidente
bocciavincenzo16
Fonti Foto
Roma. Vincenzo Boccia, amministratore delegato dell'azienda familiare, la Arti Grafiche Boccia, fondata dal padre Orazio, è il nuovo presidente dii Confindustria. Boccia, salernitano di 52 anni, ha battuto con 100 voti il suo avversario, l'industriale bolognese Alberto Vacchi, che ha riscosso 91 preferenze. "Mi rallegro – ha dichiarato il sindaco di Salerno, Napoli - per la scelta di Confindustria che affida la sua guida ad un imprenditore di alto profilo umano e professionale. Vincenzo Boccia ha dimostrato, tanto nell'attività imprenditoriale di famiglia Arti Grafiche Boccia quanto nei numerosi incarichi nazionali svolti in Confindustria, la capacità di governare i processi di modernizzazione delle imprese avendo a riguardo le dinamiche di mercato, la salvaguardia dei lavoratori, la valorizzazione dell'ambiente e dei territori". "Siamo orgogliosi che un salernitano abbia raggiunto il traguardo prestigioso della presidenza nazionale di Confindustria, ma ora è arrivato il tempo di fare squadra. Anche con i sindacati. D'altronde questo è un pensiero che Vincenzo Boccia conosce bene". Così si è espresso Matteo Buono, segretario generale della Cisl Salerno. "Esprimo la mia piena soddisfazione per la designazione di Vincenzo Boccia a presidente Confindustria. E' un'occasione importante per introdurre un rinnovamento sostanziale nelle relazioni sindacali e per rilanciare sul piano nazionale le grandi questioni dello sviluppo del Mezzogiorno d'Italia e della coesione nazionale. Auguro a Vincenzo Boccia buon lavoro. Siamo sicuri di poter contare su una rinnovata sensibilità da parte delle rappresentanze imprenditoriali nazionali e saremo lieti di incontrarlo nei prossimi giorni per avviare ogni possibilità di collaborazione con l'obiettivo di creare lavoro nella nostra regione". Queste, infine, le parole del governatore regionale Vincenzo De Luca.
 
   
Articolo contenuto in
  Attualità   
SU CRONACA POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE