Tradizioni, la Principessa Costanza a Teggiano: magia che si rinnova
principessacostanza14
Fonti Foto
Teggiano. Giunto ormai alla sua XXI edizione, l'evento "Alla tavola della Principessa Costanza" si è confermato come uno degli appuntamenti più attesi dell'estate. Il segreto di questo successo inarrestabile è composto da molti dettagli che, nel loro insieme, contribuiscono a realizzare una manifestazione di alto livello culturale. L'edizione 2014 dell'evento, svoltasi dall'11 al 13 Agosto, ha riproposto sostanzialmente il format degli anni precedenti pur se con qualche lieve modifica. Secondo la leggenda, la Principessa Costanza, figlia di Federico da Montefeltro, sarebbe convolata a nozze con Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e Ammiraglio del Regno, nel 1480 e, nel mese di Agosto dell'anno successivo, la coppia di nobili si sarebbe recata a Teggiano dove la popolazione del posto avrebbe organizzato una festa medievale la cui eco è risuonata nei secoli. In occasione della manifestazione tutti gli abitanti del comune valdianese collaborano alacremente per offrire uno spettacolo di altissima qualità, a cominciare dall'accurata realizzazione degli abiti dei figuranti. La manifestazione si apre nel pomeriggio, nella piazza principale del paese dedicata al patrono San Cono, e si avvale solitamente di giocolieri e messeri che offrono così un anticipo dei festeggiamenti veri e propri. Il corteo storico che vede la presenza della coppia di sposi è accompagnato da sbandieratori e trombonieri ma anche animato da poeti e cantori di melodie tipicamente medievali. L'apertura delle taverne avviene nella serata e coinvolge l'intero centro storico di Teggiano: stand dedicati ai mestieri propri dell'epoca ma anche alla gustosa gastronomia medievale vengono installati nelle piazzette e negli slarghi del paese, offrendo al turista o al cittadino curioso una pausa per rifocillarsi o semplicemente per apprendere un'arte antica; oltre a queste piccole realtà, però, la manifestazione si arricchisce di tanti piccoli spettacoli nello spettacolo che ripropongono balli di corte, giochi dell'epoca, combattimenti tra guerrieri ma anche recitazioni di poemi medievali in rima. La serata si articola attraverso ottime degustazioni e il divertimento scaturito dalle tante attrattive offerte: un modo per conoscere anche lo splendido paese di Teggiano che, oltre alla consueta manifestazione estiva, è ricco di monumenti e chiese dal fascino indiscusso senza dimenticare il Castello Macchiaroli, edificio di epoca normanna che già da diversi anni ha saputo reinventarsi come location per eventi pubblici e privati. Poco dopo la mezzanotte, a partire da questa edizione, è stato ideato un nuovo appuntamento che ha riscosso un immediato successo: si tratta delle "fontane danzanti" che, oltre a giochi d'acqua dai magnifici effetti, ha offerto uno spettacolo pirotecnico di rara bellezza, il tutto allietato ulteriormente da melodie antiche. Un altro aspetto interessante della manifestazione consiste nel concorso fotografico, giunto alla sua quarta edizione, che ha visto la partecipazione di fotografi e amanti della fotografia provenienti da tutta Italia ed il cui vincitore viene solitamente eletto nel mese di Settembre. L'incredibile successo che da oltre 20 anni accompagna "Alla tavola della Principessa Costanza" si è ottenuto grazie al passaparola avutosi nel tempo, un po' come accadeva nei secoli scorsi per tramandare eventi di un certi rilievo: chi ha avuto occasione di partecipare alla manifestazione ha potuto apprezzare la cura per la realizzazione dell'evento ma, soprattutto, l'autentico entusiasmo di coloro che rendono possibile questo spettacolo. Nel corso degli anni la manifestazione si è arricchita ed ha permesso di ricreare con sempre maggiore fedeltà le atmosfere che si respiravano nel Medioevo e, per rendere ancora più realistico il tutto, è stato introdotto l'utilizzo delle monete proprie del XV secolo con cui i partecipanti alle serate possono pagare le specialità acquistate nelle numerose taverne. Immergersi per tre giorni in un'autentica festa medievale è come fare un salto nel passato e Teggiano ha reso possibile questa magia. Dedizione, amore per le proprie tradizioni, spirito di collaborazione e passione sono gli ingredienti principali di questo straordinario successo che non accenna ad esaurirsi e gli organizzatori della kermesse sanno anche che, per poter essere sempre competitivi, è necessario sapersi reinventare ed offrire nuove attrattive: una sfida che "Alla tavola della Principessa Costanza" è riuscita cogliere in pieno.
Author: Francesca Salvato

 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE