Irno in Tavola, a Padula la Pasta della Pentecoste
pastapentecoste93
Fonti Foto
Nuovo appuntamento culinario che questa volta vede al centro dell'attenzione un primo piatto preparato in occasione della Pentecoste. Come la scorsa settimana, ci soffermeremo su una ricetta che interessa la città di Padula, famosa non solo per la sua monumentale Certosa ma anche per le saporite pietanze della tradizione locale. Noto anche come "piatto della Cresima", in quanto la Pentecoste e la Confermazione celebrano la discesa dello Spirito Santo per i cattolici, questo gustoso primo piatto ha i colori tipici delle cosiddette lingue di fuoco che scesero sugli Apostoli riuniti nel Cenacolo, ovvero il giallo e il rosso che, nella preparazione di questa pasta, sono rappresentati dai peperoni.
 
Ecco quali ingredienti occorrono ed il procedimento da seguire.
 
INGREDIENTI (dosi per quattro persone):
Pasta: (rigatoni, penne rigate o ziti): gr. 400
Peperoni gialli (non grandi): due
Peperoni rossi: due
Cipolle di Tropea (anch'esse di colore rosso): tre
Vino rosso: un bicchiere
Salame (che sia poco grasso, come una salsiccia ben stagionata in cui sia stata aggiunta della paprika dolce): gr. 150
Pomodori pelati o pachini: gr. 300
Origano, sale, pepe ed olio d'oliva: q.b.
 
PROCEDIMENTO:
Su una piastra si facciano arrostire a fuoco forte i peperoni, avendo cura di conservarne bene la polpa. Si facciano raffreddare, si spellino accuratamente eliminando i semi e si riducano a listarelle non troppo lunghe né troppo sottili ponendoli, provvisoriamente, da parte.
In una padella si versino quattro o cinque cucchiai di olio e si soffrigga la cipolla tagliata a strisce sottili,quando è imbiondita si aggiunga la salsiccia tagliata anch'essa a strisce sottili e si faccia dorare il tutto rimestando per evitare che si bruci.
 
Ottenuto un soffritto omogeneo, si bagni il composto con un bicchiere di vino rosso che si farà evaporare con la pentola scoperta.
A questo punto vanno aggiunti i pomodori ridotti in piccoli pezzi continuando la cottura a fuoco lento, rimestando di tanto in tanto e coprendo la padella.
Quando il composto si sarà asciugato, si aggiungano i peperoni preparati in precedenza con un pizzico di origano, sale e pepe quanto basta.
 
Si copra la padella e si faccia cuocere per circa un quarto d'ora mescolando spesso e sempre a fuoco lento fino ad ottenere un sugo omogeneo.
Dopo aver cotto la pasta al dente la si condisca con questo sugo servendola con una spolverata di formaggio grattugiato, preferibilmente pecorino.
 
Indubbiamente un piatto sostanzioso ma ottimo per palati che prediligano i sapori decisi e dal gusto…infuocato.
Buon appetito!
 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU TRADIZIONI POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE