Euro 2016, dopo Belgio-Italia 0-2: Football is a very simple game
italia giaccherini34
Fonti Foto
"Football is a very simple game", e la tagliente chiosa di Gary Lineker si palesa ferocemente con Belgio-Italia davanti agli occhi. È stata, in fondo, la partita che qualcuno si aspettava: pressione asfittica ed episodica dei "Rode Duivels" del Belgio, blocco azzurro compatto, coordinato, pronto ad iniettare il veleno che stramazza il nemico. Wilmots alla fine rinuncia ad uno tra Mertens e Carrasco in favore di Fellaini, chiamato a cucire le linee slabbrate dei belgi. Conte se la gioca come da previsione, un 3-5-2 che richiede ai fluidificanti il classico lavoro di gamba, fiato e cesello ed agli intermedi – sorpresa! - la responsabilità di non scoprire il lato debole sulle transizioni avversarie. I Diavoli provano ad essere arrembanti sin dall'avvio, e in parte ci riescono coi muscoli di Witsel e Nainggolan che strappano palloni ed energie a Parolo e Giaccherini fin troppo imprecisi. La lezione, malefica e giusta sentenza, è dietro l'angolo: basta una delle classiche giocate codificate e forgiate all'ombra della Mole per mandare fuori giri l'indolente resistenza belga. La lunga gittata di Bonucci e lo stop più tap-in un buca d'angolo dell'ex Cesena e Juve sono giocate di quelle d'autore. Il finale di prima frazione e l'inizio di ripresa segnano una reazione più di nervi che di testa degli uomini di Wilmots, il primo a perdere la trebisonda nel marasma generale dei suoi. Fellaini fulcro manda largo e fuori dalle cose che contano De Bruyne, Hazard sembra lottare contro i suoi fantasmi, i mediani sono troppo orizzontali e scolastici per sparigliare i piani di una squadra che – al contrario – ha in panchina il suo segreto. Il ct belga prova così ad occludere le vie centrali agli Azzurri: fuori il Ninja, dentro prima Mertens, poi Origi e Carrasco e contestuale passaggio a tre o a quel che era, perché in campo i suoi uomini facevano un po' come gli pareva. A Conte – unico nel far giocare bene a calcio anche dei timidi mestieranti – è bastato tenere saldo il timone, trattenuto con la forza del pacchetto arretrato e la freschezza degli ingressi. Prendere alti i loro terzini, infilarli magari centralmente giocandosi le parità numeriche che avrebbero concesso vieppiù in svantaggio. Il piano è esasperato dall'ingresso di Immobile, scattante e verticale, ad affiancare uno strenuo Pellé. E riesce, perché Wilmots continua ad ingrossare la frittata, mentre in mezzo si apre l'autostrada Roma-Bruxelles. La solidità è l'alfiere, Candreva il cavallo che ti manda a scacco. 2-0 e palla al centro, anche se il cronometro dice che è ormai troppo tardi. Lo sarebbe stato in ogni caso, per gli altri, specie se ad assisterti non hai più neanche l'ossigeno, oltre che le idee.
 
   
Articolo contenuto in
  Sport   
SU EURO 2016 POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE