Euro 2016, verso gli ottavi: Italia-Spagna e Germania-Slovacchia
euro francia43
Fonti Foto
Vince le prime due partite, si qualifica al primo posto con una giornata d'anticipo come mai aveva fatto in passato. Tutto sembra filare liscio per pensare ad un Europeo in discesa per gli Azzurri di Antonio Conte. Invece no! Sarà colpa della sfortuna, delle congetture astrali della Fifa con questa nuova formula che vede ripescate le migliori terze o semplicemente doveva andare così. Fatto sta che l'Italia è capitata nella parte del tabellone con tutte le big del torneo e agli ottavi dovrà vedersela con i campioni in carica della Spagna.
 
Italia – Spagna Atto IV. È la quarta volta in tre Europei che si rinnova la sfida con gli spagnoli. Proprio contro di noi, nel 2008, iniziò l'egemonia decennale delle Furie Rosse. L'allora selezione di Roberto Donadoni si arrese solamente ai rigori (fatale l'errore di Di Natale) e la Spagna poi vinse la competizione. Passano quattro anni, questa volta è la Nazionale di Prandelli a trovarsi di fronte la Spagna di Del Bosque prima nel girone (finì 1-1 dopo una partita giocata bene), poi in finale, quando Iniesta e compagni ci annichilirono con un perentorio (ed umiliante) 4-0. Euro 2016. Eccole di nuovo una di fronte all'altra.
 
Cosa è cambiato. La Spagna rimane una delle favorite malgrado non abbia vinto il suo girone d'appartenenza. Rispetto al passato qualcosa è cambiato, non c'è più Xavi ma il talento non manca, anzi: il genio di David Silva, la classe di don Andreas Iniesta e l'istinto implacabile del gol dell'astro nascente di Morata sono garanzie più che sufficienti su quanto possa far male questa Spagna. Eppure c'è la sensazione che le Furie Rosse non siano invincibili come un tempo, soprattutto perché in difesa concedono qualche occasione. Il ko con la Croazia ne è la più palese dimostrazione, anche se l'impressione avuta è che la Spagna abbia sottovalutato l'importanza della gara in quell'occasione. Speriamo faccia lo stesso con l'Italia. Ad ogni modo, quante chance ha la squadra di Conte? Paradossalmente, essere capitati nella parte più ostica del tabellone potrebbe rivelarsi un punto a favore della nostra selezione: il miglior gioco degli Azzurri è fatto di difesa e contropiede, ordito da rapide verticalizzazioni, situazioni che possono esprimersi al meglio contro formazioni che detengono il pallino del gioco. Quando, invece, è stata l'Italia a dover far la partita (vedi Svezia ed Irlanda), i nostri sono andati in difficoltà, colpa forse di un centrocampo con troppa poca qualità. Quindi l'Italia è sì sfavorita ma non battuta in partenza. Unica pecca è l'infortunio di Candreva e allora spazio ad uno tra Florenzi ed El Shaarawy. Per il resto dovrebbe essere confermato l'undici tipo andato in campo con Belgio e Svezia. In tal senso aver fatto riposare parecchi titolari nella gara contro l'Irlanda potrebbe rivelarsi fondamentale. Chi vince affronterà una tra Germania e Slovacchia.
 
Germania – Slovacchia. Sono i Campioni del Mondo in carica. In queste competizioni arrivano sempre (o quasi) almeno in semifinale, solo ad Euro 2004 furono eliminati ai gironi. La Germania è un'altra favorita per la vittoria finale eppure, fin qui, non ha impressionato. Malgrado i zero gol registrati nella casella di quelli subiti, i tedeschi non si sono mostrati perfetti in difesa, anzi. E una volta che Low ha aggiustato i difetti della retroguardia, ecco che a scricchiolare è stato l'attacco. Malgrado le tante occasioni create, le reti latitano. Tant'è vero che per aver avuto ragione della modesta Irlanda del Nord hanno dovuto rispolverare dalla naftalina Mario Gomez, con Goetze come falso nove che non riesce ad incidere. Ma la qualità è troppo alta per pensare che la Slovacchia possa davvero incutere timore. Eppure…
 
Gli outsider. La Slovacchia sa come si batte la Germania. Nell'amichevole pre-Europeo, Hamsik e compagni hanno rifilato ben tre reti ai teutonici. Infatti il c.t. Kozak si è detto sicuro di poter sfruttare i punti deboli di una Germania da un assetto precario. La luce della formazione slovacca è il sopracitato capitano del Napoli. Bravo negli inserimenti, autore di un gol da cineteca e di un assist contro la Russia, Hamsik potrebbe trascinare i suoi ad una storica impresa. Contropiede ed una squadra motivata ed organizzata potrebbero far male a questa Germania. Senza dimenticarsi di ‘Marekiaro'.
 
 
   
Articolo contenuto in
  Sport   
SU EURO 2016 POTREBBERO INTERESSARTI
   
AGGIUNGI UN COMMENTO O SCRIVICI A redazione@irno.it
 
SEGUICI SU FACEBOOK E NON PERDERTI LE ULTIME NOTIZIE