Libri, Alessandro Lucino si da al thriller e lancia "L'assassino senza volto"
Salerno News
Fonti Foto
R
oma. Dopo il grande successo del debutto letterario con "La sfera di Glasbal", il giovane scrittore Alessandro Lucino torna in libreria con "L'assassino senza volto", primo thriller della sua carriera. Un cambio di genere non casuale, studiato e ricercato, per tenere incollato il lettore alle pagine dell'opera. Dubbi ed enigmi fanno da sfondo ad un percorso misterioso, rinchiuso in un volume edito da Libromania del gruppo Dea Planeta Libri. Alla prevendita, cominciata il 10 settembre su Amazon e IBS, che ha già regalato risultati eccellenti segue oggi l'uscita del cartaceo negli store fisici e online.
 
L'AUTORE
 
Classe 1994, Alessandro Lucino coltiva da giovanissimo la passione per la letteratura per poi decidere di farla confinare anche nell'ambito professionale. "Scrivere un thriller è una sfida che ho colto e perorato - racconta l'autore - consapevole che per poterlo fare avrei dovuto studiare e documentarmi, inserirmi nei meandri di un genere che è figlio del giallo ma che necessità di particolari conoscenze, sfumature, dettagli. Uno scrittore prima di essere tale è anche un lettore, è grazie alle mie letture che ho acquisito l'infarinatura per poter poi cimentarmi in quest'avventura. Alcuni elementi come lo svolgimento delle indagini, l'analisi grafologica o l'esecuzione di un'autopsia richiedono il confronto con dei professionisti. Non nascondo che mi sono preso delle libertà stilistiche e narrative per ottimizzare la facilità di comprensione di tali argomenti, anche se in maniera impercettibile. L'ambientazione? Originariamente sarebbe dovuta essere l'Italia, Milano, poi un viaggio a Londra mi ha scompaginato i piani. Non è stata una scelta facile, richiedendo anche questo caso conoscenza di ambienti e culture, ma confrontandomi con alcuni amici mi sono poi definitivamente convinto. Dare credibilità a una storia di pura fantasia, seguendo dei paletti invalicabili che compongono lo svolgimento delle indagini vere e proprie, credo sia stato l'ostacolo più grande nella stesura de 'L'assassino senza volto'".
 
LA TRAMA
 
Mark Forks è un professore della Queen High School di Londra e si ritrova coinvolto in uno sconvolgente caso d'omicidio. Il miliardario Frederick Ivanov Thompson è stato ritrovato senza vita nel suo appartamento e quell'omicidio brutale è stato spiegato dettagliatamente poco tempo prima in una lettera indirizzata a Mark Forks. Nonostante le indagini della polizia, il killer colpisce altre due volte. Chi è l'assassino? E cosa vuole dal professore? Alessandro Lucino racconta la genesi del suo libro, nata da un approccio diverso rispetto al suo precedente impegno letterario. Elemento fondamentale e caratterizzante del romanzo è la morte intesa non tanto come cessazione della vita, quanto come risoluzione dei problemi. Inoltre, la malinconia del pensiero, il riscatto sociale, la dimostrazione e la personificazione della crudeltà umana, le migliaia di sfaccettature del male. Il delirio di onnipotenza. E poi l'amore, quello per la bellezza della vita, il filo conduttore che tiene unita la storia.
 
In attesa di un eventuale sequel e altri racconti, non resta che invitare a tuffarsi tra le righe de "L'assassino senza volto" e viverne la lettura con la stessa suspense che caratterizza il racconto.
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura   
SU LETTURE POTREBBERO INTERESSARTI