Racconti dalla Quarantena, "Domani cambierà" di Maria Rita Cuccurullo
Salerno News
Fonti Foto
N
on solo Coronavirus. Si apre la rubrica "Racconti dalla quarantena", uno spazio di testimonianze e di ricordi che IRNO.IT ha intenzione di raccogliere come diario comune di questi lunghi giorni di speranza, attraverso i pensieri e le esperienze quotidiane di tutti noi. I racconti, accompagnati dalle emozioni e dalle riflessioni, le poesie, i fatti o gli aneddoti casalinghi, saranno pubblicati sul quotidiano IRNO.IT. Ma anche storie nate dalla fantasia di questi giorni. I testi, inediti, dovranno avere una lunghezza massima di 30 righe (2 mila caratteri, spazi inclusi), riportare nome, luogo e data ed essere inviati via email a redazione@irno.it (oggetto: "Racconti dalla quarantena"). Inoltre, il testo potrà essere accompagnato da una foto o da un disegno (max 1) da allegare all'email. Non ci sono limiti di età. Di seguito un prezioso contributo, tutti gli altri possono essere letti cliccando qui.

RACCONTI DALLA QUARANTENA

Domani cambierà
Salerno News
Tra giorni di attesa e tempi sospesi, l'incertezza rimanda sempre di più al desiderio della vita ordinaria. Un momento delicato di una fase in cui ogni cosa viene rinviata ad una presunta normalità da recuperare. Intanto scorrono le immagini di mascherine su volti anonimi, in fila e distanziati tra loro. E sotto il sole immerso in un cielo cristallino, sfilano i pensieri, i propositi e i nuovi progetti. Sono quelli di tanti, dei tanti che ogni giorno indossano coraggio e determinazione nell'affrontare le difficoltà e le limitazioni dettate dalle norme per la tutela individuale e collettiva. Ma ognuno, aprendo le imposte, riordinando la casa, rifacendo i conti con sé stesso, riesce a convivere con una realtà fatta di rallentamenti, pause e tempi in cui è piacevole ritrovarsi. Le strade, invase da un silenzio assordante, raccontano il frenare lento della vita in cui la luce del giorno riscalda l'asfalto fino all'imbrunire. Quando il vuoto si amplifica, fino ad ingoiare il buio della sera dipanata dalle luci dei lampioni e delle case. In ognuna si animano storie, sentimenti, affanni, solitudini che riempiono il rumore del vuoto fuori, dove tutto tace, tutto sembra pacatamente riposare. Una città quiescente accanto al desiderio di raccontare e raccontarsi ad un'amica, di abbracciarsi, di non sentirsi soli in questa trance virtuale che accomuna tutti, mentre fuori c'è chi lotta per la vita e chi mette a repentaglio la propria per salvare esistenze. Oggi. Domani poi sarà. Oggi la speranza aiuta a creare ponti per sentirsi più vicini e intravedere traguardi possibili.

Sì, domani, domani cambierà!
Maria Rita Cuccurullo
Nocera Inferiore (SA)
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura   
SU RACCONTI POTREBBERO INTERESSARTI