Racconti di Fantascienza, "I Nostri Grandi Amici da Bellatrix" di Adriano Muzzi
Salerno News
Fonti Foto
Il 25 novembre 2040 è una data storica, una di quelle date, nel bene e nel male, da far imparare a memoria nelle scuole. Quel giorno ci fu il tanto desiderato primo incontro con una razza aliena: i "bellatriani", gli abitanti del sistema solare Bellatrix 9.
Finalmente si ebbe la risposta alla domanda che aveva assillato fin dagli albori l'umanità: "Siamo soli nell'universo?"

C'erano stati degli accordi preliminari che avevano dato la possibilità ad entrambi di prepararsi al meglio, di studiare nei minimi particolari l'importante incontro, di risolvere parecchi problemi; non ultimo quello della traduzione simultanea inglese-bellatriano e viceversa.

L'ingegnere capo, responsabile del traduttore "universale", osservò il presidente e il consigliere scientifico scendere dal razzo-elicottero argentato.
-- Avete risolto il problema con il traduttore? -- chiese lo scienziato responsabile del gruppo di "primo contatto", mentre stava ancora percorrendo le roto-scalette.
-- Sì, -- rispose l'ingegnere, -- era una banalità, un piccolo loop nel software di una struttura secondaria, un nastro di moebius virtuale di terzo livello.
-- Una banalità che ha comportato parecchi giorni di panico generale! -- disse il presidente, mentre con una mano tirava il guinzaglio per far stare fermo il suo piccolo cane in preda a una crisi isterica.
-- Una banalità a livello tecnico. Ma purtroppo la soluzione fornita dal consorzio costruttore cino-giapponese non è stata recepita correttamente. Diciamo che c'è stato un problema con la lingua... non ci siamo capiti. Comunque i miei tecnici sono lo stesso riusciti a venirne a capo -- disse l'ingegnere, evitando accuratamente di incrociare lo sguardo del presidente.
-- Beh, sembra un po' un colmo che ci sia stato un problema con la 'traduzione' per aggiustare un congegno che dovrebbe essere un 'traduttore universale...' -- disse lo scienziato con un mezzo sorriso.
-- In effetti è un paradosso, tuttavia...
-- OK, basta così, -- li interruppe il presidente, -- l'importante è che adesso funzioni tutto in maniera ottimale in vista del summit di domani. L'importante, ribadisco, è che non ci siano malintesi o fraintendimenti tra di noi e la razza aliena per colpa di quel coso.
-- Sì signor presidente -- affermarono all'unisono lo scienziato e l'ingegnere, guardandosi entrambi le scarpe troppo lucide.

Il centro di controllo si trovava subito a ridosso della sala "rossa", il luogo in cui stavano avvenendo gli incontri tra i vari rappresentanti delle due razze. Era un continuo andirivieni di auto-capsule blindate, completamente schermate alla vista dei curiosi, che trasportavano gli esperti nei vari campi dello scibile, più una serie di politici e diplomatici che facevano da inutile contorno agli incontri, come insalata sul fondo di una pietanza di aragoste.
Nel centro di controllo si monitorava il corretto funzionamento del dispositivo di traduzione universale. Uno stuolo di tecnici iper-specializzati, insieme all'ingegnere capo, non si perdevano nemmeno una sillaba dei dialoghi che avvenivano nella sala rossa.
-- Come sono fatti fisicamente? -- chiese l'ingegnere capo al consigliere scientifico del presidente, che era appena uscito dall'incontro per addentare un panino.
-- Beh, -- disse lo scienziato, quasi strozzandosi, -- possiamo affermare che, per i nostri standard, il loro aspetto non è tra i più gradevoli. Hanno una fattezza che non ti aspetti, che fa capire quanto lontana sia la loro base fisiologica, sociale e culturale. Se è in parte l'ambiente a formarci, beh, noi e loro dobbiamo avere un contesto molto molto diverso. -- Lo scienziato gli mostrò un breve olo-video che immortalava uno degli alieni mentre "discuteva" con un umano.
-- Uhm, capisco -- disse l'ingegnere, accennando una smorfia e slacciandosi l'ultimo bottone del camice bianco.
-- E poi c'è un'altra cosa... -- gli occhi dello scienziato si fecero scuri.
-- Sì?
-- No, è meglio che non faccio commenti a questo punto del summit, siamo ancora all'inizio -- disse alzando un mano, come per scacciare una mosca fastidiosa.
-- Io sto ascoltando tutti i dialoghi, -- disse l'ingegnere, -- so a cosa ti riferisci; dalle nostre registrazioni è evidente, o almeno per me lo è...
-- Non devi farne parola con nessuno! -- disse lo scienziato stringendo forte i pugni. Poi il suo viso si rilassò un po' e chiese: -- Cosa hai carpito dai colloqui?
-- Mettiamola così: il nostro traduttore universale funziona perfettamente, la sintassi è compresa pienamente, le parole tradotte mutano il loro significato relativamente al contesto del discorso, tenendo conto anche di quello che ha detto l'interlocutore, ma... ma il vero problema sono i contenuti, o meglio, i contenuti in relazione al retroterra culturale e sociale del soggetto, il cosiddetto 'vissuto'. Il vissuto degli esseri umani è totalmente diverso rispetto al vissuto dei bellatriani.
-- Già, e come potrebbe essere il contrario? -- disse lo scienziato, -- il problema è che non parliamo di piccoli divari, ma di traiettorie che non si incroceranno mai. Come faccio a spiegarti la rosa rossa se tu la percepisci di un altro colore, di un'altra forma e l'odore ti da fastidio? Come faccio io, essere umano, a provare empatia per te, e tu, abitante di Bellatrix 9 per me, in queste condizioni?
-- Avevamo cercato di prevedere tutto, ma questo aspetto ci era sfuggito come sabbia tra le dita aperte. Un grave errore -- disse l'ingegnere serrando la mascella, -- un grave errore.
-- Tra l'altro i maggiori problemi li stiamo incontrando nella condivisione dei valori etici, morali, che pensavamo fino ad oggi fossero universali. Invece quasi niente collima, siamo spiazzati. Ci sono dei punti della discussione che stanno aprendo enormi problemi diplomatici e relazionali anche sull'argomento delle religioni, delle credenze degli esseri umani.
Un'altra persona si avvicinò a loro: barbetta bianca tagliata corta, occhiali con lenti colorate e una lunga coda di cavallo sulle spalle. Era uno dei filosofi della task force del summit.
-- Come va ragazzi? -- disse il filosofo.
-- Bene, -- rispose lo scienziato, -- stavamo discorrendo sui problemi di 'diversità' tra le due razze.
Il filosofo divenne immediatamente rosso in viso e disse con un tono di voce troppo alto: -- No! Le diversità ci arricchiscono sempre! Tutti i più grandi errori storici che causarono guerre, razzismi e scontri di religione sono la diretta conseguenza di un interpretazione errata della così detta 'diversità'. No! Le nostre coscienze crescono anche grazie alle differenze che incontriamo durante la nostra vita, i nostri studi, i nostri amori.
-- Ehm, sì, -- disse lo scienziato con un sorriso da ebete, -- io volevo solo dire che...
-- Il vero problema che stiamo riscontrando con i nostri grandi amici di Bellatrix 9 -- continuò il filosofo come se lo scienziato avesse mosso le labbra senza emettere alcun suono, -- è che sembra di parlare tra sordi. Noi umani iniziamo un argomento, loro continuano il dialogo come se non ci avessero proprio sentito, o peggio, capito.
-- Già, infatti. Tuttavia, sarebbe utile se provaste... -- cercò di pronunciare l'ingegnere, ma venne subito interrotto...
-- Tuttavia, -- riprese il filosofo, -- siamo speranzosi di apprendere dai bellatriani delle fondamentali nozioni che potranno darci una spinta eccezionale nel campo medico, fisico ed aeronautico. Certo il problema di comunicazione bidirezionale è molto grave e almeno per il momento non vedo una soluzione.
-- Ma se provassimo a... -- non fece in tempo a dire lo scienziato che il filosofo si era già incamminato verso la sala del summit.
L'ingegnere e lo scienziato si scambiarono uno sguardo spento facendo contemporaneamente 'spallucce'.

-- Pronto? Cara, come va? -- disse l'ingegnere capo parlando in vivavoce nella sua ibro-auto.
-- Tutto bene e tu? E' un po' che cercavo di chiamarti, ma eri sempre irreperibile!
-- Uhm, sì, non potevo rispondere durante lo svolgimento del summit, adesso ti sto chiamando dalla macchina.
-- Va bene, senti, tuo figlio dovrebbe...
-- Scusa cara ma ti volevo raccontare di quello che è successo all'incontro con i bellatriani; sai, è stato un evento molto importante per me e...
-- Sì, sì, caro, ma qui la vita continua e, stavo dicendo, tuo figlio avrebbe bisogno di una mono-auto nuova perché l'attuale è diventata difettosa, praticamente inservibile.
-- OK, però ci tenevo a raccontarti di come...
-- Scusa, ma adesso devo proprio lasciarti, è arrivata Caterina. Ci vediamo dopo. Baci.
-- Baci -- disse l'ingegnere con una smorfia.
La strada sembrava un enorme nastro nero srotolato, una vecchia bobina di registrazione buttata via da qualche gigante irrequieto. L'auto lievitava leggera in un silenzio quasi irreale. L'ingegnere aveva stampato sulla faccia un mezzo sorriso perché non sapeva se ridere o piangere. Perché non sapeva a chi raccontare i suoi entusiasmi e le sue paure. Perché non sapeva con chi poter condividere quanto era avvenuto in quei giorni. Perché non sapeva...
Vide dei cervi in lontananza che correvano nell'erba alta. -- Abbiamo mai provato a comunicare veramente con gli animali? -- disse ad alta voce. -- Perché non l'abbiamo fatto? Perché? -- Batté entrambi i pugni sulla cloche. La macchina sbandò e finì fuori carreggiata. Investì uno dei cervi. La testa del cervo aveva incrinato il parabrezza, un occhio vitreo fissava un punto indefinito all'interno dell'abitacolo.
-- Perché non l'abbiamo fatto? -- ripeté piangendo.

Gli alieni dopo mesi di 'tavole rotonde', incontri ufficiali e ufficiosi, lasciarono definitivamente il pianeta Terra e gli esseri umani.
Umani che si resero conto di essere sempre più soli in un universo freddo e sconfinato. Sempre più soli tra miliardi di miliardi di stelle indifferenti.
Sempre più soli in un mondo abitato da dieci miliardi di persone. Dieci miliardi di isole, senza ponti e senza piccioni viaggiatori. Dieci miliardi di sfere che rotolano nella vita senza sfiorarsi mai. Senza veramente fondersi mai.
FONTE: "I Nostri Grandi Amici da Bellatrix 9" di Adriano Muzzi - Fantascienza.com
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura   
SU RACCONTI POTREBBERO INTERESSARTI