Eventi, a Padova scatta "Detour - Festival del Cinema di Viaggio"
detour15
Fonti Foto
P
adova. Prende il via domani, mercoledì 14 Ottobre, presso il cinema PORTOastra di Padova "Detour. Festival del cinema di viaggio", in programma sino al 18 Ottobre. Giunto alla quarta edizione, ormai appuntamento fisso per la città, il Festival si propone come luogo d'incontro e confronto sul tema del viaggio, con una serie di film inediti, workshop, presentazioni e incontri con gli autori. La locandina della quarta edizione di "Detour. Festival del Cinema di Viaggio" è stata realizzata dall'artista e illustratore veneziano Lucio Schiavon, che ha scelto di far incontrare un palombaro con un astronauta per raccontare come il viaggio di Detour sia insieme visionario e ideologico, come la curiosità degli uomini sempre alla ricerca di nuovi confini. Tre le sezioni principali del Festival: Concorso Internazionale, Omaggio all'Autore, infine Viaggi Fantastici, una nuova sezione tutta da scoprire. Il programma del Festival sarà inoltre impreziosito da una serie di eventi speciali. Saranno invece tre i premi ufficiali che verranno attribuiti ad altrettanti film del Concorso Internazionale: Premio al miglior film, Premio speciale della Giuria e infine il Premio del Pubblico, assegnato dal pubblico di Detour che sarà chiamato a votare i film del Concorso. Detour, in partnership con il tour operator Zeppelin - l'altro viaggiare, offrirà inoltre al proprio pubblico la possibilità di vincere un viaggio - curato dalla stessa Zeppelin - di una settimana in bici e barca tra Venezia e Mantova. Tutti i premi verranno annunciati durante la cerimonia di premiazione che avrà luogo al cinema PORTOastra la sera (ore 20.30) di domenica 18 ottobre e che sarà seguita dalla proiezione del film vincitore.
Questi i nove film che faranno parte del Concorso Internazionale della quarta edizione di Detour: Kumiko, the Treasure Hunter (Stati Uniti, 2014) di David Zellner; The Owners di Adilkhan Yerzhanov (Kazakhistan, 2014); Manos sucias (Colombia, 2014) di Josef Wladyka; Koza (Slovacchia/Repubblica Ceca, 2015) di Ivan Ostrochovský; Voyage en Chine (Francia, 2015) di Zoltan Mayer; Banat (Il viaggio) (Italia/Romania/Bulgaria/Macedonia, 2015), di Adriano Valerio; I dine hænder (Danimarca/Germania, 2015) di Samanou Acheche Sahlstrøm; 600 millas (Messico, 2015) di Gabriel Ripstein; il documentario Killing Time (Francia/Belgio, 2015), di Lydie Wisshaupt-Claudel. I primi cinque titoli verranno proiettati per la prima volta in Italia. A giudicare i film del Concorso Internazionale sarà la Giuria presieduta da Franco Bernini, regista e sceneggiatore per Carlo Mazzacurati, Daniele Luchetti e Gabriele Salvatores. Gli altri membri della Giuria sono il produttore Gregorio Paonessa (Vergine giurata, Via Castellana Bandiera, Le quattro volte) e il regista Alberto Fasulo, già vincitore del Festival del film di Roma nel 2013 con Tir. L'Omaggio all'Autore è dedicato per la prima volta a un regista italiano: Salvatore Mereu, uno degli autori più coerenti e preziosi del nostro cinema. Un regista che con soli quattro film, presentati nei più prestigiosi festival internazionali come Venezia e Berlino, è riuscito a imporre uno stile peculiare, capace di abbinare la documentazione di un territorio a lui ben noto - la Sardegna - alla sua trasfigurazione in qualcosa di fantastico e misterioso. Detour ha scelto di omaggiare Salvatore Mereu proponendo una retrospettiva completa di tutti i suoi film: dai primi corti, realizzati presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, fino ai lungometraggi di finzione Ballo a tre passi (2003), Sonetàula (2008), Tajabone (2010) e Bellas mariposas (2012).
Una nuova sezione prende vita quest'edizione, e ha un titolo emblematico: Viaggi fantastici. Al suo interno troveranno spazio film che raccontano viaggi impossibili nel tempo e nello spazio, tra realtà e fantasia; film inediti, ai quali si affiancheranno veri e propri cult. La sezione verrà inaugurata dalla proiezione di uno dei primi capolavori del cinema di viaggio: Viaggio attraverso l'impossibile, una fantasia in 26 quadri messa in scena da Georges Méliès che racconta l'incredibile viaggio di una compagnia di scienziati attraverso il cielo, lo spazio, il mare e la terra. Un film magico che, per l'occasione, sarà musicato dal vivo dal compositore e batterista Tommaso Cappellato. Gli altri titoli in programma sono: Radiazioni BX: distruzione uomo (The Incredible Shrinking Man, 1957) di Jack Arnold, uno dei capisaldi della fantascienza degli anni Cinquanta; Primer (2004) di Shane Carruth, film indipendente che nel corso degli anni si è consacrato come cult del genere; Paprika (Papurika, 2009), capolavoro d'animazione giapponese scelto per omaggiare il grande Satoshi Kon a cinque anni dalla prematura scomparsa; Il gigante di ferro (The Iron Giant, 1999), lungometraggio d'esordio di Brad Bird, regista di capolavori del cinema d'animazione come Gli Incredibili (The Incredibles, 2004) e Ratatouille (2007). La sezione Viaggi Fantastici dedicherà inoltre un focus al cecoslovacco Karel Zeman, grande maestro del cinema d'animazione che, a partire dagli anni Cinquanta, ha applicato la sua tecnica ingegnosa per fondere insieme disegno animato e riprese dal vivo per dar vita a personalissime trasposizioni di storie fantasiose ispirate a Jules Verne. Il programma prevede la proiezione di due delle opere più famose della produzione di Zeman: La diabolica invenzione (Vynález zkázy, 1958) e Il barone di Münchausen (Baron PráÅ¡il, 1962). La diabolica invenzione, vincitore del Grand Prix all'Expo di Bruxelles nel 1958, verrà presentato nella nuova versione, restaurata digitalmente nell'ambito del progetto Restoring the World of Fantasy in occasione di Expo 2015. Verrà inoltre proiettato in anteprima italiana il documentario Karol Zeman: Adventurer in Film, un film che, attraverso le parole dei collaboratori e di numerosi registi contemporanei come Terry Gilliam e Tim Burton racconta la vita, il lavoro e l'importanza della figura di Karol Zeman per tutto il cinema moderno.
"Detour. Festival del Cinema di Viaggio" è organizzato da Cinerama, diretto da Marco Segato e presieduto da Francesco Bonsembiante. Sponsor della quarta edizione è Cassa di Risparmio del Veneto (Gruppo Intesa Sanpaolo). L'iniziativa è stata resa possibile anche quest'anno dal sostegno, ormai storico, di AcegasApsAmga. Il Festival è realizzato con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; partner tecnici dell'iniziativa sono Padova Terme Euganee Convention & Visitors Bureau e Padova Promex nell'ambito del progetto "Come to Padova and Discover Expo 2015".
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura   
SU SPETTACOLI POTREBBERO INTERESSARTI