Fumetto, successo a Ravenna per Komikazen: mostre ancora aperte
komikazen15
Fonti Foto
R
avenna. Si è chiuso il 12 Ottobre il Festival Internazionale del Fumetto di Realtà "Komikazen", appuntamento annuale di scena in Ottobre a Ravenna. Nato nel segno della ricerca e dell'indagine sui rapporti tra rappresentazione del reale e letteratura disegnata 11 anni fa, quando l'espressione "Graphic Novel" non era entrata nell'uso collettivo, Komikazen Festival ha scelto per l'edizione 2015 di indagare il modo in cui la crisi economica e politica viene rappresentata attraverso il disegno. Ospiti speciali del festival sono stati un nutrito gruppo di disegnatori e giornalisti greci, ma anche l'icona del Graphic Journalism americano Ted Rall, che ha tenuto per la prima volta un workshop, e il disegnatore sudanese Khalil Albaih. Il 2015 è stato un anno diffcile per il concetto di "Europa". Apertosi con il drammatico attentato di Charlie Hebdo che ha sconvolto lo scenario culturale europeo, è stato poi segnato dalla diffcile relazione tra il governo greco e la Troika: anche in questo caso lo stesso concetto di Europa è stato messo sotto assedio. Chi doveva trattare? Che ruolo possono avere i popoli? L'edizione 2015 del Festival ha dunque avuto come obiettivo principale quello di analizzare come disegnatori satirici, politici, autori di Graphic Novel o reportage, hanno rappresentato e inteso questa sfida. E' sempre più fatto condiviso che il disegno smuove e commuove, intercetta paure e dona forme ai fantasmi: il rischio della traccia è sempre stato un tema particolarmente caro al Festival Komikazen, che negli anni ha seguito per primo in Europa e da vicino l'evoluzione del fumetto e della satira in paesi come la Turchia, l'Algeria, l'Egitto e il Libano. Gli eventi espositivi centrali del festival si sono tenuti presso la Galleria d'arte Mirada e le Cantine di Palazzo Rava, mentre le iniziative satellite saranno dislocate in altri punti di interesse della città. Uno degli ospiti speciali di Komikazen 2015 è stato Ted Rall, vignettista, giornalista, fumettista e illustratore statunitense. La satira politica di Ted Rall, che collabora con più di 100 testate giornalistiche statunitensi, si è espressa in questi anni attraverso numerosissime vignette in cui prende di mira i paradossi della politica interna e della politica estera americana, nonché i cliché dello standard culturale "dell'americano medio". Presente anche il vignettista turco Cem Dinlenmis le cui graffanti storie trattano temi legati ai diritti civili e alla libera espressione in un paese in cui più spesso tale libertà è negata. Altra personalità di spicco è stata Khalid Albaih, vignettista sudanese in esilio in Qatar, i cui disegni, di forte impatto politico, sono in prima linea dal 2011, durante le prime fasi delle proteste della Primavera araba. Con Kara Sievewright c'è poi stata l'occasione di conoscere un'artista e un'attivista sui generis: la sua mostra personale è ospitata da Galleria Mirada. Kara, che vive in un arcipelago nel nord del Pacifco rivendicato dal Canada in cui risiede la popolazione indigena degli Haida, è anche un'attivista per i diritti del suo popolo e per la difesa dell'ambiente. Ma il focus di Komikazen 2015 è stato la crisi greca, rappresentata attraverso le storie disegnate, in particolare apparse sul quotidiano Efmerida ton syntakton. Per 55 settimane appariva sull'inserto del sabato uno storia realizzata da un disegnatore diverso sullo stesso tema "Il giorno della crisi", che in greco suona anche come "il giorno del giudizio". Le storie sono esposte nella collettiva a Palazzo Ravaioli "La linea della crisi" e sarà disponibile anche un catalogo completo tradotto in italiano: un'analisi sociologica in sequenza di cosa signifca vivere nel regime dell'incertezza. Per tali ragioni, gli ospiti d'onore dell'undicesima edizione del festival Komikazen sono stati i disegnatori e i giornalisti greci, tra cui il fumettista Soloup, il vignettista Ghiannis Ioannou, inoltre Ghiannis Michailidis e Ghiannis Koukoulas, giornalista di Efmerida Ton Syntakton, di cui cura l'inserto interamente dedicato al fumetto. Gradito ritorno inoltre anche quello di Carlos Latuff, presentato per la prima volta proprio a Komikazen nell'edizione del 2012. Oltre agli ospiti internazionali, sono stati presenti anche presenti diversi autori e ricercatori italiani, tra cui Laura Silvia Battaglia, Marta Gerardi, Lucia Biagi, Alessia Di Giovanni, Nicola Gobbi, Marco Gastone, Matteo Stefanelli, Andrea Plazzi, Carlo Gubitosa. Le mostre, ad ingresso gratuito, resteranno visitabili sino al prossimo 8 Novembre.
 
   
Articolo contenuto in
  Cultura   
SU SPETTACOLI POTREBBERO INTERESSARTI