Esclusive, Anna Bellezza e l'amore per la recitazione: "Il set palestra di vita"
Salerno News
Fonti Foto
R
oma/Piombino. In un periodo così delicato che ha colpito in maniera brutale il mondo del cinema e dello spettacolo, sicuramente più penalizzati rispetto a tanti altri settori, nel cuore dei giovani talenti ed artisti prevale comunque la speranza e la voglia di rimettersi subito in carreggiata. Ne è un esempio lampante Anna Bellezza, nota al grande pubblico per la partecipazione alla terza serie di "Una grande famiglia" ma dal pedigree importante e con ampie prospettive di crescita. Bella fuori, bella dentro: "La mia è stata una passione nata all'improvviso - spiega ai nostri microfoni - Certo sin dalle scuole superiori mi appassionava l'arte della recitazione e dopo alcuni provini tenuti appositamente negli istituti scolastici di Piombino, la mia città, sono stata scelta prima per i casting finali e poi definitivamente per partecipare alla pellicola "Acciaio": cercavano proprio due ragazze di Piombino e la scelta è ricaduta anche su di me. E' stata una bella esperienza, considerando che per me era un vero e proprio debutto".

Inizia, così, un percorso step by step: "Mi sono iscritta ad un'agenzia di management che mi ha indirizzato a varie selezioni. Mi sono iniziata ad addentrare nei meandri della tv, arrivando poi a prender parte alla fortunata fiction Rai "L'Oro di Scampia" dove ho dovuto lavorare e studiare tanto dovendo recitare in napoletano. Fortunatamente le origini mi hanno facilitato un po' il compito".

Lo studio sempre al centro della vita di Anna: "Contestualmente all'ultimo anno di liceo ho iniziato "Una grande famiglia", percependo subito come una serie su più puntate abbia ritmi completamente opposti rispetto al film. Sono stati 8 mesi intensi di riprese, da Roma ad Inverigo passando per il Lago di Como e Milano. Posso dire di essere stata fortunata di aver lavorato accanto ad attori (senza dimenticare ad esempio Fiorello) del calibro di Alessandro Gassman ed Isabella Ferrari che ha interpretato nella serie mia madre, ma per me è stata davvero una seconda madre, sempre prodiga di consigli e affettuosa come se avesse a che fare con i suoi veri figli. Giorno dopo giorno vivi il quotidiano con loro, si vengono a creare veri e propri legami d'amicizia e non solo professionali. Dopo la fine delle riprese, mi sono fermata un periodo per la maturità ed ora sono al secondo anno a Scuola di Recitazione. Nella vita non si finisce mai di imparare".

Tornando all'attualità: "Purtroppo si è fermato tutto per il Covid, speriamo di riprendere a marciare da settembre. Valuterò le occasioni che si presenteranno, sia in ambito televisivo che cinematografico anche se propendo leggermente più per le serie. Il teatro? Non mi dispiacerebbe affatto".
 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU ESCLUSIVE POTREBBERO INTERESSARTI