Esclusiva, Veronica Maya: "Amo mettermi in gioco, allo Zecchino cresciuta come artista e mamma"
veronicamayaRoma. Talentuosa, affascinante e poliedrica. Sono tre keyword che descrivono alla perfezione il phisique du role di Veronica Maya. La conduttrice e showgirl di origini francesi è reduce da un'estate intensa, in cui si è vista gratificata anche di importanti riconoscimenti. Dai programmi sportivi di grido sulle emittenti romani a quelli nazionali, l'excursus della Maya inizia da lontano: "Esordire accanto a Bruno Pizzul in un programma come Dribbling (2004) è stato un bel trampolino di lancio, mi ha permesso di imparare tante cose. Erano tempi diversi, non c'erano i social che imperversavano ed anche gli approcci professionali diversi. Personalmente sono sempre passata da provini, in qualsiasi esperienza abbia fatto ed essere riuscita a conquistare vetrine televisive importanti con sudore, studio e sacrificio è assai appagante. Tenacia, impegno e preparazione sono per me elementi essenziali per poter lavorare bene".

Sulle reti Rai, Veronica è stata spesso e volentieri regina del mattino e del primo pomeriggio: da Unomattina a Linea Verde passando per Italia che vai e Verdetto Finale: "Per me ogni programma è stata una grande palestra ed una tappa formativa propedeutica per la successiva, necessaria per arrivare con sempre maggiore preparazione all'avventura che segue. Dalla rassegna stampa alla diatriba giudiziaria passando per i viaggi. Poliedrica? Si, è un aggettivo che mi si addice - continua la rossa fiammante cresciuta tra la penisola sorrentina e la Capitale - Lo spirito di adattamento non mi è mai mancato così come la voglia di ascoltare e apprendere".

La Maya è soprattutto volto iconico dello Zecchino d'Oro così come di Casa Sanremo: "Sono stati 10 anni speciali, sono diventata grande come professionista ma anche come mamma. I miei figli adottivi del programma così come quelli naturali li ho cresciuti a pane e Zecchino. Sanremo? Casa di nome e di fatto. Un coacervo di emozioni ed opportunità, un amplificatore delle vicende del festival a cui sogno un giorno di arrivare da madrina nella sua veste principale".

Teatro e cinema rappresentano la testa e la coda allo stato attuale del percorso artistico di Veronica: "Ho iniziato con i musical e la commedia di Monicelli ispirata ad 'Amici Miei', sono stata in tournée anche per 180 giorni. Mi ritengo fortunata di aver vissuto palcoscenici così eterogenei ed essermi interfacciata con tanti artisti. Con il cinema è un amore sbocciato più col tempo, ne sono rimasta affascinata realmente una volta che mi ci sono ritrovata dentro e percepito tempi e ritmi diversi a quelli ai quali ero abituata. Il premio come miglior attrice rivelazione per l'interpretazione in 'Magari Resto' (seguito a Passpartù) oltre ad essere una grande gratificazione ha rappresentato la molla per stimolarmi a mettermi ulteriormente in gioco e farne altri in futuro". Cinema vissuto anche ovviamente da conduttrice e presentatrice: "Sono stata a Castrovillari all'International Film Festival, al Festival del Cinema di San Vito Lo Capo, più di recente a Villammare e comunque girato posti incantevoli del nostro paese; condotto la Notte del Cinema e Stelle d'Argento al Cinema Italiano su Rai 2. Presentare programmi culturali è sempre stato un mio desiderio".

Nonostante i tanti impegni, Veronica si dedica con costanza e presenza alla famiglia e si guarda intorno valutando ulteriori novità professionali: "Fare sempre la stessa cosa mi spaventa, ragion per cui sono aperta a ogni possibilità intrigante possa palesarsi. La radio? Potrebbe incuriosirmi, perchè no". E nel frattempo porta avanti anche un'altra sua grande passione, la cucina, ereditata dai genitori ristoratori. Lo fa utilizzando i social: "Gestisco tutto io - sottolinea Veronica - i social sono amplificatori della realtà che vanno usati con cura e intelligenza. Io ho sempre voluto dargli un'impronta family imperniata sull'autenticità dei messaggi trasmessi e del rapporto con il pubblico".

In chiusura Veronica Maya, tra le tante cose anche giurata di Miss Italia e protagonista di avventure televisive anche su Alice ed Agon Channel, volge un pensiero ai tanti artisti con cui ha avuto modo di collaborare, uno in particolare: "Come detto ho avuto possibilità e fortuna di lavorare con tanti professionisti ma se devo citare una cosa che mi rimarrà per sempre impressa nella memoria senza ombra di dubbio dico la gentilezza di Fabrizio Frizzi". Lo stesso potranno pensare a parti invertite coloro che hanno avuto ed avranno la possibilità di affiancarsi ad una professionista dinamica, preparata e versatile come Veronica Maya.
 
   
Articolo contenuto in
  Società   
SU ESCLUSIVE POTREBBERO INTERESSARTI